mercoledì 2 gennaio 2013

I miei primi 40 anni...e Lines Perla


Solitamente la mattina appena sveglia non mi guardo mai allo specchio..non so se vi è mai capitato di specchiarvi e vedere il vostro sguardo puntare alla fronte un po’ troppo spaziosa, a quei capelli che sono troppo sottili, oppure semplicemente sono troppi o troppo pochi, alle rughe che si fanno sempre più accentuate e chi più ne ha più ne metta?


Anche se ormai ci ho fatto l’abitudine e ho anche imparato a convivere con i miei difetti, non sopporto lo sguardo beffardo che vedo riflesso quando inarca un sopracciglio per studiare ogni mio difetto con smorfie ironiche...


Questa mattina però sento che è diverso...forse perché non solo il 2012 se ne sta andando con tutte le sue gioie e dolori, con le parole dette e non dette, con le emozioni soffocate o con le liti a volte inutili e sterili... ma si sta portando via anche una bella fetta della mia vita.. sto infatti definitavamente e ahimé inesorabilmente lasciando i miei "ENTA" per addentrarmi in questo universo inesplorato chiamato "ANTA"...


I MIEI PRIMI 40 ANNI...

Così stamattina al risveglio ho deciso di affrontare con serenità la mia antagonista riflessa nello specchio e appoggiando le mani al lavandino, mi sono persa nel suo sguardo, oggi decisamente più benevolo,  per condividere con lei, ed ora con voi miei cari lettori, un primo bilancio di vita...


Ho trascorso un'infanzia molto piacevole, gingillata e coccolata da decine di braccia che facevano a gara per stringermi...ero la secondogenita pertanto l'eterna piccolina di casa....

bambini/giocattoli/giocattoli_189.jpgbambini/giocattoli/giocattoli_190.jpg

E' venuta poi l'adolescenza,  periodo di rapide trasformazioni sul piano fisico, psicologico...

la chiamano...

la crisi che precede il progresso”.
  
é l’età del primo amore, che rappresenta, pur se considerato a torto a volte ridicolo, o avventato, o imprudente, il primo slancio affettivo reale al di fuori dell’ambito familiare..Rappresenta il primo passo verso l’autonomia e verso lo sviluppo di una propria morale ed una propria personalità..
anche se questa nuova condizione scatena  reazioni a volte contrastanti, come il nervosismo, la poca tolleranza nei confronti dei genitori e poi la depressione e il rimorso per averli respinti mantenendo però la necessità di averli come riferimento...
In questa fase di vita ho vissuto intensamente attimo per attimo, a volte combattendo “le regole” ed ho imparato sulla mia pelle la cattiveria e l’umiliazione e così col tempo ho imparato a saper esser cattiva, ad umiliare..ma ho imparato anche ad amare la vita, a non mollare mai quando si ha un sogno, anche quando sembra troppo grande..


Ovviamente dopo il "primo amore" ne arriva un secondo, poi un terzo...con l'eterna illusione di poter trovare
quell'unica mezza mela in mezzo a miliardi di mezze mele...






Nel "Simposio" Platone racconta il mito dell'uomo "totale":
una razza perfetta, ermafrodita, ogni individuo autosufficiente e beato di sè.
Fu per invidia che gli dei divisero le due parti di queste creature e le dispersero nel mondo. Da allora vagano come esseri imperfetti che possono raggiungere la felicità soltanto trovandosi..

La mia mezza mela si chiama Marco e con lui mi sposo nel settembre del 2003...quindi oltre ai miei primi 40 anni, il 2013 sarà l'anno di un altro importante bilancio..i miei primi 10 anni di matrimonio..


  
Sono poi arrivati i miei tesori più preziosi ..i miei due figli maschi Morgan e Ruben, che ho accudito, amato e adorato fino allo spasmo. Grazie ai loro occhi ho riscoperto il mondo...quegli occhi capaci di vedere sorrisi anche dove le guance restano umide e rigate..dove la sicurezza non sono i soldi nel portafogli, ma la lucina che illumina timidamente la stanza nel pieno della notte, quasi a far la guardia ai sonni più dolci..



Spesso però succede che la maternità calpesti un po' la femminilità...prima di tutto perché il dover accudire dei bimbi piccoli, con i loro ritmi un po' discontinui, con le loro esigenze di essere cambiati, nutriti ma anche solo coccolati, porta a non avere molto tempo per se stesse...
gravidanza ed incontinenza urinaria


Inoltre il post partum è risaputo, porta a squilibri ormonali non indifferenti, a disturbi del sonno ed anche a volte ad episodi di incontinenza urinaria …

L'incontinenza urinaria è una condizione comune a molte donne, anche giovani. Una donna su sei tra i 35 e i 70 anni e quasi la metà delle donne sopra i 65 anni ha occasionali perdite di urina.

I due tipi di incontinenza più comuni per la donna sono da sforzo e da urgenza. Esiste poi anche una forma mista che presenta caratteristiche di entrambi i tipi.

L’incontinenza urinaria da sforzo è caratterizzata da fuoriuscite involontarie in seguito a pressione addominale dovuta a sforzi fisici, starnuti, colpi di tosse, risate, allenamento fisico o sollevamento di un peso. L’incontinenza da sforzo avviene quando l’indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico causa una discesa del collo della vescica. Questo fa sì che lo sfintere interno, una sorta di rubinetto della vescica, non riesca a rimanere chiuso in modo soddisfacente quando sottoposto a pressione addominale. Le perdite in questo caso non sono tipicamente precedute dalla sensazione di urinare e variano, a seconda dei casi, da poche gocce a un flusso più significativo.

Si parla invece di incontinenza da urgenza quando la perdita involontaria di urina è provocata da un bisogno urgente. Si verifica quando il cervello riceve l’impulso di svuotare la vescica e non può impedire la minzione o trattenerla fino al raggiungimento di un luogo appropriato.
Le possibili cause dell’incontinenza sono varie ed è opportuno chiedere consiglio a un professionista per individuarle con precisione.


Cause più comuni
  • Gravidanza e parto: Le donne in gravidanza o che hanno appena partorito sperimentano cambiamenti a livello sia fisico che ormonale. L’incontinenza urinaria non è affatto rara in fase di gravidanza, poiché la pressione dell’utero sulla vescica, i cambiamenti ormonali ed il parto possono indebolire i muscoli del pavimento pelvico. E’ per questo che la probabilità di avere fuoriuscite di urina è tre volte superiore per le donne che hanno avuto figli, rispetto a quelle che non ne hanno mai avuti.
  • Menopausa: La menopausa è quell’evento fisiologico della vita di una donna che comporta un cambiamento ormonale a livello degli estrogeni. Ciò può in alcuni casi influenzare i muscoli del bacino, determinando un assottigliamento dell’uretra e la conseguente incontinenza urinaria.
  • Obesità: L’obesità è legata all’incontinenza poiché il grasso accumulato nella parte addominale preme sulla vescica, aumentando il numero delle minzioni e più in generale lo stimolo ad urinare. I medici consigliano di perdere peso mediante una dieta sana o trattamenti farmacologici in modo tale da controllare l’incontinenza urinaria stessa. 
  • Infezioni della vescica: Le infezioni della vescica portano ad un restringimento dell’uretra che potrebbe contrarsi involontariamente e generare delle fuoriuscite di urina.
Dopo due parti i muscoli del mio pavimento pelvico si sono davvero indeboliti ...ed ogni tanto in seguito ad uno sforzo o anche ad un semplice starnuto segue una piccola perdita di urina... Mi sono documentata in merito a quello che sembrava essere un problema piuttosto serio ed ho scoperto...


lines perla

Lines per le donne che soffrono di incontinenza ha creato un prodotto specifico per perdite di urina in grado di soddisfare i loro bisogni:Lines Perla.
L'elevata protezione e la tecnologia esclusiva anti-odore Naturactive™ rendono i prodotti Perla una soluzione ideale per continuare ad affrontare con serenità la vita di tutti i giorni.
In più, grazie a centinaia di micro-canali che allontanano velocemente il liquido dalla pelle, Lines Perla è due volte confortevole.

assorbente con naturactive

1 Filtrante:Morbido al contatto con la pelle. È ideato per allontanare velocemente la perdita di urina dal corpo, trasferire il liquido all' interno della struttura assorbente ed ostacolarne il ritorno in superficie.
2 Microcanali:I micro canali presenti nel prodotto assorbono rapidamente l' urina ed i polimeri superassorbenti la bloccano all' interno del prodotto.
3 Sistemacontrolla-odori:Sistema anti-odore Naturactive™. È un insieme di sostanze attive specifiche contro il cattivo odore dell' urina. *Il sistema Naturactive è presente su tutta la linea Lines Perla, tranne Lines Perla Extra.
4 Struttura molto Flessibile e sottile:Offre protezione, comfort e discrezione con la sua grande sottigliezza.

Sul sito http://www.linesperla.it/informazioni-utili/ ho anche scoperto utilissimi accorgimenti per ridurre al minimo questo piccolo problema.
Lines ha effettuato importanti studi sull’incontinenza urinaria. Spesso non si tratta di una vera e propria patologia, può essere anche sintomo di altri disturbi e non essere necessariamente legata all’avanzare dell’età. Spesso l’incontinenza è vissuta con imbarazzo, nonostante sia un problema diffuso. Parlare con il proprio medico è il modo migliore per individuare la sua natura ed entità. Gli sarà così possibile orientarvi verso la soluzione migliore. Nel caso di incontinenza da sforzo, il trattamento più frequentemente consigliato dal medico consiste in una serie di esercizi per la rieducazione vescicale (esercizi di Kegel)

Migliorare con la ginnastica
Spesso la semplice ginnastica è sufficiente per risolvere il problema dell’incontinenza.
Sarai contenta di sapere che è possibile rafforzare i muscoli del pavimento pelvico con dei semplici esercizi. Questi possono essere svolti in qualsiasi luogo senza che nessuno se ne accorga, poiché i muscoli esercitati non sono visibili all’esterno. Inoltre, lo svolgimento di questi esercizi non comporta alcuno sforzo fisico; al contrario, non verserai una goccia di sudore.
Più precisamente, gli esercizi di Kegelrappresentano un facile e comodo metodo che consente di recuperare l’elasticità della muscolatura pelvica. Si svolgono contraendo e rilassando, secondo determinate modalità e sequenze, i muscoli pubococcigei, gli stessi utilizzati quando ci si sforza di interrompere il flusso urinario mentre si fa la pipì.
Gli esercizi possono essere svolti in qualsiasi circostanza e momento della giornata mediante ripetizioni più o meno frequenti e durature, con contrazioni più intense o più dolci, facendo brevi pause fra una contrazione e l'altra.
Mantenersi in forma

Buone abitudini urinarie
Avere buone abitudini urinarie è un elemento importante che contribuisce a una qualità di vita migliore: mediamente le persone vanno al gabinetto dalle 4 alle 8 volte al giorno e non più di una volta durante la notte.
Cattive consuetudini possono causare disturbi alla vescica e talvolta incontinenza.
Ecco alcuni semplici accorgimenti che possiamo suggerire per mantenere la vescica sana:
  • Evitare di andare al bagno troppo spesso per non rischiare una riduzione della capacità di ritenzione vescicale. È preferibile cercare di andare in bagno solo quando la vescica è piena e non si può più rimandare. Va bene, invece, svuotare la vescica prima di coricarsi.
  • Durante la minzione non avere fretta: occorre dare alla vescica la possibilità di svuotarsi completamente. Non farlo può far insorgere infezioni urinarie.
  • Mantenere buone abitudini alimentari in modo da non indebolire i muscoli del pavimento pelvico.
  • Proteggere i muscoli del pavimento pelvico, attraverso la conservazione del tono muscolare, con appositi esercizi a scadenze regolari.
Questi sono solo alcuni degli accorgimenti suggeriti da Lines … approfondite voi stesse sul sito e soprattutto nel caso si verificasse qualche piccola perdita urinaria acquistate Lines Perla eil vostro imbarazzo scomparirà all'istante!



Siamo giunti alla fine del mio primo bilancio di vita...vi ringrazio per avermi seguito fino a qui.

Mi sento una persona fortunata per mille motivi, per ciò che ho oggi e per ciò che ho avuto ieri...ed anche per ciò che avrò in futuro.
Ho tutto quello che una donna potrebbe chiedere e quindi da oggi sarò molto più clemente con l'immagine che vedo riflessa nel mio specchio perché da oggi voglio vivere di sostanza e non solo di apparenza..come una matura donna di 40 anni deve fare!!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Miracle