martedì 15 ottobre 2013

BabyFoille...se la usi vinci!

Cura del piccolo: Sederino arrossato? No problem
Ecco finalmente il nostro fagottino è nato e dopo qualche giorno di degenza in ospedale siamo pronti per portarlo a casa con noi, in un turbinio di emozioni e nuove scoperte.

Spesso il nostro entusiasmo viene frenato dal pianto incessante ed inspiegabile del nostro piccolo...ma per quale motivo piange? 



Durante i primi mesi di vita il pianto fa parte della vita quotidiana: si tratta del modo con cui il bambino esprime i propri bisogni. 

Potrebbe avere fame, noia, stanchezza, è scomodo e non riesce ad addormentarsi, o è in balia delle odiose coliche che gli procurano fastidiosi gonfiori e doloretti addominali o più semplicemente potrebbe avere il pannolino sporco!!!

La pelle delicata del neonato è molto sottile e, rispetto a quella del bambino e dell'adulto, ha una ridotta capacità di trattenere acqua: la pellicola idrolipidica di protezione si deve infatti ancora formare. E manca di grasso, perché le ghiandole sebacee lavorano meno.

La parte che si irrita più facilmente è il sederino: nel pannolino si viene a formare un clima "a effetto serra". Pipì e cacca irritano la pelle, il pannolino ostacola il ricambio di aria e l’umidità si accumula. 

In caso di irritazione da pannolino, ci viene in aiuto l'ossido di zinco; tra la ventina di minerali indispensabili all’uomo, lo zinco contribuisce al funzionamento di circa 70 enzimi che regolano organi coinvolti nella vista, nel gusto e nell'olfatto, aiutano lo sviluppo dei bambini, rendono efficiente il sistema immunitario, controllano la sintesi dell’insulina, cicatrizzano le ferite, combattono acne ed eczema.

In medicina lo zinco, usato sotto forma di ossido di zinco, viene combinato in percentuali variabili per creare paste, creme o pomate curative al fine di stimolare e rigenerare la pelle velocizzando la guarigione di abrasioni, infiammazioni, desquamazioni e ulcerazioni come acne, piaghe da decubito, irritazioni nelle parti intime o eczemi in virtù delle sue proprietà lenitive, astringenti, antinfiammatorie; insostituibile la pasta di ossido di zinco per lenire la pelle dei nostri bimbi che, unita o meno ad olii, contribuisce a creare uno strato protettivo contro gli arrossamenti, le macerazioni e le irritazioni da pannolino derivanti dalle caratteristiche cutanee del neonato, da residui di detergente sulla cute del bambino o anche da patologie di allergie tra familiari stretti.    


Seppure Ruben non abbia la pelle molto delicata, è capitato che in alcune fasi dello svezzamento, con l'introduzione di nuovi alimenti ed il passaggio da quelli liquidi a quelli solidi, si scaricasse più frequentemente con la conseguenza di avere spesso il sederino irritato.

Io ho potuto arginare il problema, anzi risolverlo in tempi molto brevi grazie a BabyFoille
di Sanofi 





Baby Foille Pasta Protettiva Lenitiva è indicata in caso di arrossamenti della pelle e irritazione da pannolino.




Grazie alla sua formula a base di ossido di zinco al 27% e olio di pesce previene gli arrossamenti della pelle e assicura una protezione dagli agenti irritanti quali feci, urine, detergenti aggressivi o lavaggi frequenti.
L'olio di pesce, ricco in vitamina, grazie alle sue proprietà emollienti e rigeneranti favorisce l'idratazione della pelle lasciandola morbida e protetta.




BabyFoille Pasta Protettiva Lenitiva non contiene parabeni. 

Disponibile in tubo da 65 grammi e da 145 grammi


Modalità d'uso
Applicare uno strato di sottile di BabyFoille dopo aver lavato e asciugato le zone interessate.In caso di arrossamenti da pannolino, si consiglia di applicare la crema ad ogni cambio.




La pasta potrà essere utilizzata non solo per il sederino ma anche come crema mani o crema viso



Principi attivi specifici
Petrolatum, zinc oxide, lanolin, aqua, paraffinum liquidum, gadus morrhua liver oil, aroma (geraniol), methylsalicylate, BHA.

So che le mamme più attente si irrigidaranno un attimo di fronte all'inci che contempla anche petrolati e paraffina; sono composti base di innumerevoli creme e altri presidi medici e prodotti della cosmesi. Il petrolato presente in queste preparazioni è di grado farmaceutico cioè conforme alle specifiche della farmacopea ed è ammesso in questa tipologia di preparati.

Una volta svitato il tappo per il primo utilizzo vediamo il tubetto protetto da una pellicola argentata, per evitare che il prodotto venga contaminato.



Basta una piccolissima quantità di prodotto per un'applicazione generosa nella zona interessata



Il prodotto si presenta di colore bianco brillante ed è di consistenza pastosa.
Iniziamo a massaggiare la cute con movimenti circolari per favorire l'assorbimento




Dopo alcuni minuti osserviamo come sul dorso della mano sia presente quasi un guanto, segno che la nostra pasta stia efficacemente rafforzando la barriera cutanea del bambino, preservando la sua pelle da futuri attacchi.




La pelle sarà quindi isolata rispetto alle aggressioni (urina, feci, sfregamenti), grazie alla sua texture coprente.



Il post di oggi titola


BabyFoille...se la usi vinci!!

vinci infatti contro la dermatite da pannolino e le irritazioni, ma con l'acquisto di BabyFoille da 145 grammi puoi vincere anche...




un anno di pannolini!!




Io ci ho provato e per ora non ho avuto fortuna...non vedo l'ora di finire il mio tubo per comprarne un altro e ritentare nuovamente la sorte!!







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Miracle