giovedì 28 agosto 2014

Più vicini, più valore alle parole


https://yt3.ggpht.com/--bMwO9L5E7o/U_r9YMarYGI/AAAAAAAACRk/yDJpGEd0QKE/w2120-fcrop64=1,00005a57ffffa5a8-nd/yt_ribaltata.jpg

"mi sono arrampicato sull'albero per vedere il mondo
poi delle folate di vento mi hanno fatto cadere ma
mi sono tenuto forte mentre tu ti tenevi a me

perchè ho costruito una casa
per te, e per me
finchè non è scomparsa
da me, e da te

e adesso è tempo di lasciarla
e fare in modo che si tramuti in polvere"

sulle note della commovente To build a home, si snocciola il cortometraggio "Papà," firmato Wind, sul tema della vicinanza.




Il protagonista, ripercorrendo con la memoria i ricordi più belli dell'infanzia e dell'adolescenza vissuti con suo padre, ha un desiderio improvviso, impetuoso ed impaziente di riabbracciarlo.


Mentre tutti ci immaginiamo una figura materna con le braccia aperte, in attesa che si congiungano amorevoli a quelle del figlio, Wind ci stupisce con questo film, mostrandoci il piglio di un padre severo ma spesso accondiscendente, con braccia forti ma anche compassionevoli, che sa comunicare con uno sguardo, con una carezza, emozioni indimenticabili.

Non a caso il video si conclude con un abbraccio tra padre e figlio, in un elemento naturale e primordiale come l'acqua che determina la vita e nella quale tutte le realtà ritornano una volta terminata la loro esistenza.

Quando ero piccola io, ci si riuniva tutti in una stanza e la televisione teneva incollate migliaia di persone e di conseguenza di famiglie, che trascorrevano la serata confrontando emozioni e sensazioni che un determinato programma suscitava loro; 
la tecnologia vorace e inarrestabile ci ha permesso di annullare le distanze geografiche, grazie a smartphone, tablet, skype, social network, ma allo stesso tempo ha contribuito a rendere fredde e impersonali le relazioni con amici, familiari e conoscenti, facendoci dimenticare la magia di un abbraccio, la poesia di un sorriso o di sopire sentimenti come la compassione suscitata nel vedere scendere una lacrima di dolore o commozione.


Wind lancia con questo cortometraggio commovente e delicato, invita tutti a stare più vicini e a comunicare di più con il cuore, perché a volte un incontro è meglio di qualsiasi mail o telefonata. Perché la tecnologia è potente, ma non onnipotente.

 
Con questa campagna Wind vuole essere più che mai vicina alle persone e alla verità dei loro sentimenti.



 A volte per comunicare davvero, la tecnologia non è tutto.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Miracle